Reset Password

Your search results

Cosa vedere a Varenna

Published on 2 luglio 2016 by dimagrirefelici

Qualcosa di simile al Cristo degli Abissi di Varenna si trova solo in pochi angoli (sommersi) del mondo, a San Fruttuoso tra Portofino e Camogli per restare dentro i confini italiani: la statua tornerà “alla luce”, sul fondo del Lago di Como, il 9 luglio dopo 18 anni dalla prima inaugurazione nelle acque lariane. Terminati i lavori di restyling, su iniziativa e sotto la supervisione di Antonio Ciaccio e dell’organizzazione Luci, l’opera sarà quindi visibile al pubblico con l’incantevole cornice che per lungo tempo l’aveva idealmente custodita esaltandone il già profondo significato simbolico. Una funzione religiosa in chiesa, seguita dalla processione di fedeli e cittadini, accompagnerà il Cristo degli Abissi fino all’immersione nei fondali blu del Lario, ora dotati di un impianto di illuminazione nuovo di zecca realizzato dai responsabili del progetto di recupero della statua e dell’area lacustre che lo ospita. Non sono soltanto gli abitanti di Varenna, ma anche tanti turisti italiani e stranieri, ad associare la suggestiva passeggiata degli Innamorati al monumento in bronzo nascosto per anni in profondità e riemerso di recente per ripristinare al meglio le condizioni di visibilità dei fondali dellospecchio d’acqua dove l’effige del Redentore tornerà finalmente a risplendere.

La magia del Lago di Como (fonte: Twitter @georgiecel)

La magia del Lago di Como (fonte: Twitter @georgiecel)

Lago di Como, ecco cosa non perdersi a Varenna

Del resto, siamo in una delle zone oggettivamente più belle dell’intero Triangolo, tappa obbligata per tutti i “cacciatori di emozioni” in visita al Lago di Como: perdersi uno spettacolo simile, trovandosi da queste parti, sarebbe davvero un peccato. Il secondo appuntamento in diciotto anni col “battesimo” del Cristo sarà pure un’occasione preziosa per toccare con mano i risultati di un lavoro di gruppo, portato a termine da “Wace Ocean” su commissione dello staff di Luci, simile (per tasso di complessità tecnica e innovazione tecnologica) a quello concluso sull’Isola d’Elba a Pomonte, località non a caso prossimamente teatro del tentativo di raggiungimento del primato mondiale di immersione contemporanea da parte di un numero di sub record. Varenna è anche altro, come ben sanno gli amanti del trekking su percorsi con vista panoramica e delle gite romantiche sul lago, famiglie comprese: i numeri della stagione turistica parlano chiaro e chi riesce mettere radici qui ha delle buone ragioni per ritenersi un privilegiato.

Le bellezze nascoste di Varenna

Ma quali sono i posti più belli da visitare in un week end? Imperdibile, previa camminata in mezzo alla natura sul pittoresco itinerario del Sentiero del Viandante per circa un quarto d’ora, il Castello di Vezio, avamposto militare romanico che sovrasta il territorio dall’altura della Val d’Esino offrendo un fantastico punto d’osservazione dei paesaggi fiabeschi dipinti sul ramo orientale del Lario. Degno di una visita è anche il borgo di Fiumelatte (il cui nome si lega al fiume carsico che lo bagna, il più piccolo d’Italia e famoso per la sua misteriosa intermittenza dal 25 marzo al 7 ottobre), caratterizzato dall’antico raggruppamento di case ai piedi del monte Fopp e a due passi dai ruderi della fortezza. Nel cuore del paese sorge la Chiesa di San Giorgio, basilica a tre navate risalente al XIV secolo al cui interno si trovano tra l’altro statue in sasso colorato di grande interesse sia a livello storico che artistico che raffigurano la deposizione di Gesù dalla Croce. Di nobili origini e dall’aspetto maestoso sono costruzioni secolari come Villa Monastero e Villa Cipressi, entrambe dotate di grandi giardini fioriti e terrazze a dir poco spettacolari che si affacciano sul Lago di Como.

Category: Senza categoria

Leave a Reply

Your email address will not be published.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi